Home » News » Agricoltura 4.0, le nuove sfide ai tempi del Covid
News

Agricoltura 4.0, le nuove sfide ai tempi del Covid

Dalla robotica all’uso dei droni, quali sono le risposte che, attraverso l’innovazione tecnologica, il comparto agricolo sta mettendo in campo per affrontare problematiche rese ancora più pressanti dall’emergenza Coronavirus? Le farming technology dovranno garantire una gestione nuova e diversa delle operazioni agricole per soddisfare esigenze sempre più complesse

Un ecosistema in costante e inesorabile mutazione, un’inarrestabile crescita demografica che ha come duplice conseguenza la scarsità di risorse naturali da un lato e lo spreco alimentare dall’altro: queste le sfide che il settore agricolo mondiale è chiamato ad affrontare. Una risposta strategica a queste sfide – risposta resa ancora più pressante ed urgente a causa della situazione emergenziale che stiamo vivendo – è rappresentata dall’Agricoltura 4.0, che sarà sempre più focalizzata sull’innovazione e l’impiego di nuove tecnologie. Non dipenderà più dunque solo da un uso equilibrato di acqua, fertilizzanti e pesticidi, ma utilizzerà tecnologie sofisticate come robot, sensori di temperature e umidità, immagini aeree, dispositivi avanzati che consentiranno alle aziende agricole una maggiore redditività, efficienza, sicurezza e rispetto dell’ambiente.

I trend del futuro e gli interventi possibili

Secondo un rapporto della FAO, la produzione alimentare dovrà aumentare del 70% entro il 2050 per poter soddisfare la crescente domanda di cibo del pianeta. Una percentuale impressionante, una capacità produttiva che il sistema agricolo mondiale e dei singoli Paesi, con gli strumenti attualmente a disposizione e senza un’inversione di tendenza nelle abitudini alimentari, non sarà assolutamente in grado di reggere. Che fare, dunque? La risposta a disposizione del settore agricolo è la stessa che sta radicalmente trasformando la vita di tutti i giorni, nelle nostre case come in fabbrica, ossia un cambiamento di mentalità che ridisegni l’idea di produzione introducendo un modo di lavorare nuovo e diverso, più redditizio, efficiente, sicuro e sostenibile. L’agricoltura 4.0 è basata proprio sull’impiego di soluzioni tecnologiche, digitali e gestionali totalmente nuove. Vediamole nel dettaglio.

IoT e sensori

La precisione nella raccolta delle informazioni è essenziale anche nel comparto agritech: grazie all’Internet of Things e alla sensoristica le informazioni possono essere fornite con grande accuratezza, in tempo reale, consentendo agli agricoltori di intervenire prontamente e prendere la decisione migliore. Un esempio applicativo può essere quello dell’irrigazione, aspetto fondamentale per un corretto sviluppo delle colture: i sensori installati sui campi indicano la quantità di acqua necessaria, riducendo lo spreco e aumentando la produttività. Stesso discorso nel caso della distribuzione dei pesticidi: informazioni corrette circa lo stato di salute delle piante evita che le sostanze chimiche vengano utilizzate inutilmente su colture che non necessitano di interventi in tal senso.

Droni e sistemi robotici

Utilizzato per irrorare in modo più veloce le colture, rilasciare semi e sostanze nutritive nel terreno oppure per monitorare le condizioni di salute delle piante, il drone in agricoltura può anche ‘semplicemente’ mappare i campi con una precisione millimetrica. La robotica applicata all’agroalimentare si traduce invece con una parola, “agribot”. Veri e propri trattori senza conducente, sono un trend nel pieno del loro sviluppo e rappresentano la nuova frontiera dell’agricoltura ecologica.

Tecnologie ‘blockchain’

Tracciamento della filiera e lotta alle contraffazioni alimentari: l’origine del cibo, che giustamente interessa una fascia sempre più ampia ed esigente di consumatori, è alla base delle tecnologie cosiddette ‘blockchain’, che consentono di mappare, gestire e migliorare la qualità delle filiere. Rintracciare un alimento dalla sua coltivazione alla cottura non solo è un segno di trasparenza da parte del produttore, ma aiuta anche il consumatore finale a comprendere l’impatto ambientale e sociale delle sue abitudini alimentari prendendo coscienza delle proprie scelte. La nostra vita, quella delle generazioni future e del pianeta, dipende anche da come l’Agricoltura 4.0 saprà gestire uno dei problemi più urgenti del nostro tempo: come nutrire in modo sostenibile il mondo.

 


Iscriviti

per ricevere aggiornamenti sui trend e le opportunità IOT per il tuo business