Home » News » Agricoltura 4.0, come crescere attraverso la digitalizzazione
Industry News

Agricoltura 4.0, come crescere attraverso la digitalizzazione

Filiere sicure, Big data e agricoltura di precisione. Facciamo il punto sulla più recente situazione post Covid nel comparto agricolo e agroalimentare: tanti sono i temi che fanno riflettere, uno su tutti quello degli investimenti che sempre più spesso riguardano l’agricoltura di precisione, con tecnologie e strumenti in grado di aumentare la produttività.

Il digitale e la crescita del comparto agroalimentare

Il lockdown cui siamo stati costretti a causa dell’emergenza sanitaria ha dato una consistente accelerata alle strategie messe in campo già da tempo in termini di tecnologie, sicurezza e controlli totalmente made in Italy per la filiera agricola. La sfida alla digitalizzazione e allo sviluppo di nuove soluzioni è ormai decisiva in un Paese dove l’agroalimentare vale più di 500 miliardi di euro, rappresenta il 35% del Pil nazionale e offre lavoro a quasi quattro milioni di persone.

L’agricoltura 4.0 di precisione vale oltre 450 milioni di euro ed entro un biennio punta a interessare il 10% della superficie coltivata in Italia. Il tutto grazie all’ottimizzazione produttiva e qualitativa, alla riduzione dei costi aziendali, alla minimizzazione degli impatti ambientali con sementi, fertilizzanti, agrofarmaci fino al taglio dell’utilizzo di acqua e del consumo di carburanti. Il ruolo delle tecnologie e più in generale del digitale (inteso come digitalizzazione dei processi produttivi) appare pertanto più che mai determinante per la crescita del comparto agroalimentare.

Dove si investe per digitalizzare il settore

Secondo uno studio condotto da Coldiretti, in un solo anno gli investimenti in nuove tecnologie nel settore agricolo sono cresciuti del 22% e hanno interessato la macro area dei ‘big data’: sistemi di monitoraggio e controllo delle produzioni (49%), attrezzature e software gestionali (34%), tecnologie di mappatura delle superfici e raccolta di dati per il supporto alle decisioni (14%). Siamo dunque in una fase di transizione digitale, nella quale gli operatori necessitano di tutto il supporto possibile per poter fare scelte non solo corrette ma anche in tempi brevi.

A tal proposito proprio Coldiretti ha messo a punto una piattaforma all’interno della quale opera un sistema integrato per la gestione on-line dell’impresa agricola. Tale sistema offre una lettura in tempo reale dello stato di salute delle coltivazioni, i dati su fertilità dei terreni e sullo stress idrico, così come una serie di altri servizi come le mappe satellitari, il meteo disponibile fino a tre giorni, la fatturazione elettronica. Sempre Coldiretti ha anche “inventato” l’‘innovation advisor’, una figura professionale del tutto nuova nel panorama professionale che ha il precipuo compito di aiutare le aziende agricole a impostare progetti di digitalizzazione.

Un altro aspetto fondamentale su cui puntare per dare ulteriore slancio alla digitalizzazione del comparto è quello della vendita on-line. I mesi di lockdown hanno tra le altre cose evidenziato come il diritto di tutti all’approvvigionamento alimentare non possa più essere garantito unicamente dai canali tradizionali. È bello andare a fare la spesa direttamente dal contadino in campagna, ma senza escludere la possibilità di ordinare qualsiasi tipo di alimento comodamente dal PC di casa. Da ultimo, una parola sul fronte formazione: i percorsi scolastici dei vari Istituti Agrari sono oggi ancora all’insegna della tradizione, ma non è un caso che fra le migliaia di startup innovative italiane moltissime si occupino di agricoltura e agritech.

C’è dunque un grande interesse che, debitamente supportato da nuovi filoni educativi, sarà in grado nel prossimo futuro di rappresentare una grande prospettiva di crescita e di lavoro. Per un’agricoltura sempre più digitalizzata.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento


Iscriviti

per ricevere aggiornamenti sui trend e le opportunità IOT per il tuo business

Podcast & Smartspeaker

IOTtoday su Spotify IOTtoday su Google Podcast IOTtoday su Apple Podcast IOTtoday su Amazon Alexa IOTtoday su Google Home