Home » News » Come rendere il packaging smart grazie alle applicazioni IoT
Industry 4.0 News

Come rendere il packaging smart grazie alle applicazioni IoT

smart packaging

Le trasformazioni digitali rese possibili dal paradigma IoT stanno non solo modificando, ma anche esaltando le potenzialità in ambito packaging. Parliamo di come sia possibile interagire in modo intelligente con il cliente finale, raccogliendo e distribuendo dati e informazioni su qualsiasi prodotto a partire proprio dalla confezione. Parliamo dunque di smart packaging

Ad oggi le applicazioni dell’Internet of Things al mercato del packaging non sono ancora al culmine, ma attraverso la digitalizzazione e la sua capacità di raccogliere e distribuire dati e informazioni, il settore si sta indubbiamente muovendo verso una forma di packaging sempre più smart.

Le varie funzioni del packaging

La confezione di un prodotto ha come funzione principale quella di proteggerlo dall’ambiente esterno, di renderlo più facilmente trasportabile e fruibile da parte dell’utilizzatore finale. Ma non si limita a queste funzioni. Il “vestito” di un prodotto, inteso come un mix tra forma, materiale e colori del contenitore, è ormai diventato anche un importante strumento di marketing.

Uno smart packaging è anche quello che permette di dare risalto al marchio, di comunicare in modo unico e originale stimolando all’acquisto. Insomma, il settore si sta progressivamente trasformando in una piattaforma in grado di creare valore e su cui innestare nuovi modelli di business.

Alcuni esempi di smart packaging

La branca dell’alimentare è di sicuro il comparto che prima e meglio di tutti ha iniziato a vedere nel packaging un fenomenale strumento di interazione con il cliente. Intercettare abitudini, gusti, preferenze del consumatore per meglio indirizzare le proprie strategie di vendita. Servendosi dell’IoT e lavorando il più possibile sulla digitalizzazione.

Un esempio in tal senso è l’applicazione sviluppata dall’ex startup israeliana Water.IO (ora ImpactX). Si tratta di una capsula intelligente che, controllando l’apertura e chiusura del contenitore, consente di monitorare la quantità di acqua bevuta nell’arco di una giornata. Un servizio utile non solo al produttore, ma anche all’utilizzatore. La chiusura, infatti, è direttamente connessa con lo smartphone dell’utente il quale può quindi verificare quanto ha bevuto, ricevere alert o reminder e fare in modo di regolare un’assunzione corretta di liquidi durante la giornata.

Una tecnologia decisamente più economica e già ampiamente utilizzata da diversi brand di ogni settore è quella dei tag. Dai semplici ‘QR codes’ a soluzioni più complesse come, ad esempio, tag NFC o RFID, che sfruttano tecnologie e protocolli di comunicazione diversi.

Proprio un tipo di tag NFC è stato aggiunto alle bottiglie di alcune serie limitate di rinomati marchi di superalcolici. Il whisky Jameson se ne serve per poter accedere a servizi online aggiuntivi: la connessione permette al cliente stesso di personalizzare la propria etichetta, sperimentando altresì contenuti esclusivi e partecipazioni ad eventi. L’IoT è chiaramente a servizio di uno smart packaging che, attraverso un’esperienza unica, crea un modo originale per fidelizzare il cliente. Il rum Malibù ha invece utilizzato sia tag NFC che QR code per dare la possibilità ai propri clienti di vincere gadget, accedere a ricette di cocktail basati naturalmente sul rum, oppure accedere a esperienze di gioco. Due lampanti esempi di smart packaging finalizzato all’arricchimento del rapporto brand-cliente.

Un altro gigante del settore packaging nel food, la Tetrapack, ha dato il via allo sviluppo di una piattaforma che permette di tracciare il packaging attraverso codici univoci presenti su ciascun prodotto. In questo modo la produzione di informazioni sempre più dettagliate lungo la supply chain porta a un’ottimizzazione dei processi di controllo. I dati immagazzinati da questa piattaforma potranno diventare un bacino di informazioni su cui costruire servizi a valore aggiunto per nuovi modelli di business.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento


Iscriviti

per ricevere aggiornamenti sui trend e le opportunità IOT per il tuo business

Podcast & Smartspeaker

IOTtoday su Spotify IOTtoday su Google Podcast IOTtoday su Apple Podcast IOTtoday su Amazon Alexa IOTtoday su Google Home