Home » News » Il Retail sempre più legato all’IT e al cloud
News Retail

Il Retail sempre più legato all’IT e al cloud

retail it e cloud

Dietro a esperienze di eccellenza si cela un Retail sempre più legato all’IT e al cloud. Le abitudini di acquisto delle persone, per effetto della pandemia Covid-19, hanno accelerato la trasformazione digitale del Retail. La sete di Digital Transformation non si placa. Le aspettative dei clienti riguardo a esperienze di acquisto sempre più innovative non solo non si arrestano ma continuano a crescere.

Per adeguarsi al nuovo trend e al necessario passaggio digitale, i retailer si organizzano sempre più puntando su sistemi core nel cloud. Perché? Per una serie di vantaggi di efficienza, flessibilità e scalabilità.

Come ogni profondo cambiamento che si rispetti, le difficoltà non mancano. I retailer abituati a gestire il modello di data center tradizionale devono vedersela con ambienti multicloud più dinamici ma anche più complessi. Ciò comporta una difficoltà di gestione da parte dei team IT tanto che, per continuare a essere operativi, il costo del rivenditore medio è di 4 milioni di dollari all’anno.

Il Retail sempre più legato all’IT e al cloud: team digitali sotto pressione

La trasformazione digitale corre più veloce dei retailer. La pandemia ha comportato una richiesta di nuove funzioni digitali per i clienti, più rapide ed efficaci. App e sistemi cloud sono ormai centrali in ogni aspetto del business, operativo, amministrativo. Sono essenziali per guidare i ricavi, per la Supply Chain e come supporto per nuove esperienze di acquisto.

I team digitali sono sotto pressione: devono correre verso l’innovazione a passo più svelto per soddisfare richieste in rapida evoluzione e rispondere alle crescenti pressioni sui costi.

Una recente ricerca evidenzia che circa 9 CIO (Chief Information Officer) in ambito Retail su 10 riscontrano un’accelerazione del ritmo di questo cambiamento all’interno delle aziende. Gran parte dei CIO (60%) pensa che la trasformazione digitale continuerà ad accelerare.

Attualmente, il 43% del tempo dei team IT viene impiegato solo per far “funzionare le cose” cercando di dare un senso a sistemi sempre più complicati. Gran parte dei rivenditori operano già in ambienti multicloud e oltre la metà (60%) aumenterà l’utilizzo di questi sistemi.

Automazione continua e AIOps essenziali per i retailer

Due terzi dei retailer teme che i propri ambienti multicloud siano diventati talmente complessi che da soli gli esseri umani fanno fatica a gestirli.

Architetture sempre più dinamiche e distribuite, volume e velocità di dati senza precedenti, log e tracce generati dai cloud mettono in difficoltà il team IT del settore Retail. In media, devono vedersela con 10 soluzioni di monitoraggio tech. In realtà, riescono a monitorare il 10% dell’architettura compromettendo i ricavi, le operazioni interne, l’esperienza di acquisto dei clienti.

In sostanza, l’utilizzo degli ambienti multicloud richiede un approccio completamente diverso dall’ITOps, DevOps e gestione della digital experience.

Serviranno nuove funzionalità: automazione continua e AIOps per eliminare i processi manuali, tracciamento distribuito, mappatura della topologia in tempo reale, dettagli di codice sui rapporti tra entità e user experience, tutto contestualizzato.

L’Intelligenza Artificiale sarà determinante per l’IT nel Retail. Permetterebbe un risparmio annuo di 1,6 milioni di dollari per i retailer, ottimizzerebbe le esperienze di acquisto eliminando attività manuali banali per concentrarsi su un lavoro più strategico e di valore.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento


Iscriviti

per ricevere aggiornamenti sui trend e le opportunità IOT per il tuo business

Podcast & Smartspeaker

IOTtoday su Spotify IOTtoday su Google Podcast IOTtoday su Apple Podcast IOTtoday su Amazon Alexa IOTtoday su Google Home