Home » News » Industry 4.0 » Tutti i vantaggi della logistica industriale
Industry 4.0 News

Tutti i vantaggi della logistica industriale

logistica industriale

Rendere competitiva un’industria in termini di costi /prezzi rispetto alla concorrenza da un lato, di innovazione dei prodotti e di servizio al cliente dall’altro. Tutto questo è la logistica nell’ottica Industria 4.0, cruciale sia nell’ambito della distribuzione organizzata che in quello manifatturiero

Interessante, parlando di logistica industriale, partire dalla radice etimologica del termine. Il nome deriva infatti dal greco “logikós”, qualcosa cioè che ha un senso logico, un ordine ben preciso. La disciplina della logistica ha una ricca storia alle spalle, ma è la sua più recente evoluzione nell’ambito dell’Industria 4.0 a rappresentare un salto di qualità senza precedenti.

Ma di cosa parliamo esattamente, che cosa è la logistica industriale?

Non è altro che la tecnica organizzativa con cui un’industria progetta, gestisce e monitora le fasi di trasporto e stoccaggio di merci. Il tutto rispettando i tempi previsti dalla pianificazione, a partire dai fornitori fino agli utenti finali. Assicurando ai clienti un servizio di consegna di beni efficiente e il più economico possibile. E rispettando al contempo gli standard di qualità, dei tempi e dei costi predeterminati. In estrema sintesi, possiamo dire che la logistica industriale si occupa di gestire la struttura fisica, informativa e organizzativa.

Il sistema logistico come pilastro dell’Industria 4.0

flussi della logistica industriale sono due, l’uno complementare dell’altro: il flusso fisico di merci, materiali e servizi e quello informativo che raccoglie i dati statistici e le informazioni utili per effettuare previsioni di mercato in tempo reale.

Il duplice livello operativo va a creare un sistema logistico chiamato anche catena logistica o filiera logistica o ancora Supply Chain industriale. Tanti sinonimi che riportano ad un unico concetto: un mix di infrastrutture, strumentazioni, risorse, strategia operativa. Senza dimenticare gli aspetti legati a produzione, marketing e vendite.

Peculiarità del sistema logistico produttivo

Sono essenzialmente due gli ambiti di competenza del sistema logistico produttivo. Da una parte il sistema logistico produttivo attraverso le “scorte”, il cui limite è quello di avere magazzini pieni e clienti insoddisfatti, con livello di servizio basso ed elevati costi di logistica. Dall’altra parte abbiamo il sistema logistico produttivo determinato dalla domanda di mercato. In questo caso l’input è produrre solo ciò che serve nel momento in cui serve, tagliare il livello delle scorte, evitare deterioramento/invecchiamento e soddisfare il cliente in tempi certi. Il sistema logistico può essere schematicamente suddiviso come segue:

  • rete logistica (le strutture fisiche che consentono il flusso fisico dei materiali);
  • aspetto gestionale (le aree individuali della logistica, la pianificazione e il coordinamento del sistema logistico nel suo complesso);
  • aspetto organizzativo (le strutture relative all’organizzazione, alle risorse manageriali e al capitale umano).

Sistemi gestionali e facilities

La logistica 4.0 si avvale di diversi sistemi gestionali. A partire dall’ERP (Enterprise Resource Planning), che permette di riunire tutte le funzioni aziendali all’interno di un gestionale unico. Abbiamo poi i sistemi WMS (Warehouse Management Systems), che gestiscono le attività operative dei magazzini; i sistemi TMS (Transport Management Systems), dedicati alla gestione delle attività di trasporto; i sistemi APS (Advanced Planning and Scheduling) per la programmazione avanzata della produzione; i sistemi MES (Manufacturing Execution Systems), che monitorano il flusso dei materiali nei settori produttivo e distributivo.

Senza dimenticare i sistemi di Supply Chain Management (SCM), a cui è affidato il compito non solo della gestione della Supply Chain, ma anche quello previsionale legato alle vendite e di supporto alla progettazione e gestione di reti distributive. A ciò si aggiunga infine l’uso di veicoli a guida autonoma nei magazzini, di robot o cobot (robot collaborativi); dell’Internet of Things (IoT); di Big Data, Analytics, Cloud per il flusso di informazioni in tempo reale; dei droni; dei dispositivi tecnologici indossabili e dei visori di Realtà Aumentata; di algoritmi di Intelligenza Artificiale.

Commenta

Clicca qui per inserire un commento


Iscriviti

per ricevere aggiornamenti sui trend e le opportunità IOT per il tuo business

Podcast & Smartspeaker

IOTtoday su Spotify IOTtoday su Google Podcast IOTtoday su Apple Podcast IOTtoday su Amazon Alexa IOTtoday su Google Home