Home » Risorse » Interviste e Contributi » Quali sono le differenze tra ristori e finanza agevolata
Interviste e Contributi Risorse

Quali sono le differenze tra ristori e finanza agevolata

finanza agevolata

In un periodo di enorme difficoltà sotto l’aspetto economico, finanziario e sociale è doveroso e indispensabile fornire un chiarimento su quale siano natura e obiettivi che stanno alla base della finanza agevolata. Un settore, quello della finanza agevolata, diventato di grande attualità e interesse vista la situazione critica che ha coinvolto quasi tutti i settori del tessuto economico del Paese. Il protrarsi di questa situazione critica dal punto di vista finanziario per moltissimi professionisti e aziende ha accentuato notevolmente l’attenzione verso le necessità di cercare aiuti, sostegni e ristori. È in questo contesto che si sta generando molta confusione intorno al tema della finanza agevolata, che viene spesso intrappolata da normative e regolamenti da interpretare o, in alcuni casi, addirittura mancanti.

La varietà di ristori e rimborsi stanziati negli ultimi mesi ha certamente acceso i riflettori verso un settore molto spesso avvolto da dubbi e perplessità e percepito con grande cautela e scetticismo da parte di imprese e professionisti: è necessario quindi chiarire quali sono le differenze tra gli aiuti che vengono forniti in questo particolare periodo che facilmente possono essere catalogati come “straordinari” , in funzione dell’emergenza sanitaria che sta coinvolgendo l’intero pianeta.

La differenza principale riguarda la motivazione alla base dello stanziamento di questi aiuti: estremizzando il concetto, questi ristori hanno l’intento di fornire una sorta di indennizzo soprattutto alle categorie e alle aziende più colpite dalla pandemia, al fine di mantenerle in attività nel perdurare di questa crisi e riducendo seppur in maniera limitata le perdite.

Viceversa, la finanza agevolata ha come base di partenza una motivazione differente. L’intento principale è quello di supportare e finanziare gli investimenti delle aziende, attraverso diverse modalità e tipologie di contributi. L’idea fondamentale è quella di finanziare, con diverse formule e tipologie di contributo, progetti di investimento, di crescita e di sviluppo aziendale.

La finanza agevolata è da sempre uno strumento interessante ed utile per supportare progetti di sviluppo e di crescita aziendale: molto spesso però, si commette l’errore di considerare queste opportunità come risorse effettive e non come “occasioni” da cogliere nel momento giusto. 

Cercando di spiegare meglio il concetto, si può quindi affermare che i ristori vengono stanziati e distribuiti con l’obiettivo di chi “premiare” attualmente “non può fare” mentre la finanza agevolata intende dare supporto a chi “vuol fare”. È evidente che in una condizione particolare e senza precedenti nella storia recente, è veramente difficile tenere separati i due aspetti soprattutto per le aziende e le imprese maggiormente in difficoltà.

In questi ultimi mesi alcuni enti hanno adottato strategie e modalità per elargire i ristori scegliendo strumenti molto simili a quelli utilizzati abitualmente nella finanza agevolata, creando quindi ulteriore disorientamento tra la platea di fruitori.

La speranza è che si possa tornare quanto prima ad ottenere agevolazioni esclusivamente rivolte ed orientate verso piani di crescita basati esclusivamente sullo sviluppo e sul rilancio delle aziende, con l’obiettivo di provare a tornare lentamente, ma gradualmente, alla normalità.

Leonardo Menduni

Arkadia Global Management Advisor

 

Articolo fornito da Arkadia GMA

Commenta

Clicca qui per inserire un commento


Iscriviti

per ricevere aggiornamenti sui trend e le opportunità IOT per il tuo business

Podcast & Smartspeaker

IOTtoday su Spotify IOTtoday su Google Podcast IOTtoday su Apple Podcast IOTtoday su Amazon Alexa IOTtoday su Google Home